Fontana Editore | eBook e libri fatti con amore | Pubblichiamo narrativa, saggistica, edizioni d'arte, esoterismo, materiale musicale | ePub Mobi Pdf

Carrello vuoto
Lunedì, 09 Novembre 2015 10:01

Alla scoperta dell'ebook di… Solo una bianca farfalla di Maithuna

Vota questo articolo
(2 Voti)
Solo una bianca farfalla è una storia che toglie il fiato, che sa coinvolgere sin dalle primissime battute, ma che non può non lasciare un poco smarriti, basiti. Una marea di quesiti ci sommerge. Tra i tanti, però, uno la fa da padrone:per riscoprire di che pasta siamo fatti dobbiamo davvero ‘spogliarci’ davanti allo schermo di un computer?

L’autore (o autrice) di questo libello della contemporaneità è Maithuna, un’entità oltre le definizioni. Maithuna dichiara di essere molto uomo, giacché non ama i fronzoli, fa fatica ad interessarsi ai pettegolezzi e ha bisogno di stare nella sua caverna senza doversi giustificare per questo; é altresí molto donna considerando che empatizza facilmente, sa come prendersi cura delle persone e flirta volentieri. Maithuna si rende conto che il confine fra qualcuno e qualcun altro é labile, ognuno é fatto di molti altri, come diceva Pessoa, uno dei più grandi poeti del secolo scorso.

Anche sulla sua reale età, Maithuna ci disorienta, enigmatica: “Ho l'età che consente di non prendersela più per le sciocchezze, ma essere entusiasta di fare sempre mille cose diverse, senza aspettarsi il massimo dalle persone ma accettandole come sono”.

Stuzzicante, pruriginoso, eccitante.Solo una bianca farfalla è un fugace ma intenso viaggio nella psiche maschile e femminile, un racconto che descrive tipiche conversazioni virtuali che, almeno una volta nella vita, chiunque di noi ha intrattenuto con uno sconosciuto.

Che è un po’ come parlare a se stessi, senza confini, senza faccia da dover salvare, reputazione da conservare, immagine da salvaguardare. Si è soli, senza preconcetti e giudizi.Eccolo il nostro piccolo mondo, l’esito più grottesco della globalizzazione. Un mondino parallelo e soddisfacente dove un nickname e una foto avatar, bacchette magiche della post-modernità, trasformano in uomo o donna, single se si è sposati, gay se si è pubblicamente etero, feroci se si è notoriamente innocui. E il gioco può avere inizio, con gli istinti più nascosti e sopiti che, fino a poco prima domati, strabordano come un fiume in piena troppo a lungo e faticosamente contenuto da argini in realtà friabili.

Non solo internet e i suoi mondini ce lo consentono – ribatte Maithuna, – ma ce lo ha sempre consentito semplicemente la narrazione, esigenza dell'essere umano dai tempi delle pitture rupestri; l'uomo é narrativo e l'Ombra lo accompagna, il suo lato oscuro, perverso, la forza oscura che pure sente a volte il bisogno di uscire”.

Ed è in questo mondo serale e notturno dove tutto è lecito, ben circoscritto nei pochi pollici dello schermo del pc o dello smartphone, relegato a quegli spazi in cui si smettono i panni delle persone perbene e in carriera, che Max, un insicuro coatto in tuta da ginnastica e senza arte né parte, si ritrova a chattare con una misteriosa Stella, una “maialissima pseudointellettuale”, capace di identificare le sue necessità più represse ma allo stesso tempo di farlo abbrustolire a fuoco lento.

Un’impressione acuminata va via via prendendo forma, dando vita ad una storia lampo per certi versi geniale. Sarà Shakti, una fantomatica ragazza apparentemente irraggiungibile, che scompare e riappare lasciando vuoti inspiegabili, a stuzzicare la curiosità di due partner arroccati nei propri ruoli consolidati e, fondamentalmente, fallimentari. Giovani già annoiati, sterili, spampanati. Sconosciuti gli uni agli altri.

Un racconto dal quale emerge, nitido, il deficit di comunicazione nelle relazioni di tutti i giorni. Siamo davvero giunti a questo punto? Siamo certi che per ridestare i sensi ci si debba per forza affidare ad una chat room? Questo racconto, implacabile, non lascia alcun margine di dubbio.

Vedi l'ebook >>

Letto 630 volte
Gianni Paris

Eccomi qui... Gianni Paris, 29 anni, giornalista freelance, laureato in Scienze del Servizio Sociale. Lettore accanito, scrittore dallo stile conciso e diretto, vorrei arrivare un giorno a sfamarmi con i proventi derivanti dalle opere che compongo. Qualora non fosse possibile, prima di morire di fame, potrei seriamente prendere in esame la prospettiva di mangiare la carta che ho insudiciato con l'inchiostro :-D Panem et circenses

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Su questo sito usiamo i cookies. Navigando, li accetti.